Rimozione Tatuaggi

Il Laser Q - Switched è oggi lo strumento + utilizzato in tutto il mondo per eliminare i tatuaggi.

Un tempo i tatuaggi erano eliminati con l’abrasione della cute tramite l'impiego di sale, frese, causticazione o elettrocoagulazione con inevitabile formazione di cicatrici permanenti e, frequente incompleta rimozione del pigmento. Un’alternativa era rappresentata dall’asportazione chirurgica del tatuaggio ma con una inevitabile formazione di brutte cicatrici.

A partire dal 1980 vengono usati Laser ad Argon ed il CO2 che, a causa della scarsa selettività, producevano comunque cicatrici e rimozioni incomplete del pigmento.

Oggi l’eliminazione dei tatuaggi viene eseguita con Laser Q-Switched, macchine che danno un impulso laser di brevissima durata (nanosecondi, cioè alcuni miliardesimi di secondo). Tali impulsi distruggono le cellule entro le quali sono accumulati i granuli di pigmento, spezzandoli in frammenti (da 10 a 100) più piccoli che, nel corso dei giorni e/o settimane successive, vengono fagocitati dai macrofagi ed eliminati.

Vari trattamenti, a distanza di 1 mese circa, consentono di ottenere la progressiva, spontanea scomparsa del tatuaggio. L’emissione di impulsi di durata brevissima evita surriscaldamenti della pelle e quindi cicatrici (fototermolisi selettiva).

Il Laser Neodimio - Yag Q-Switched emette a scelta, raggi di 4 diverse lunghezze d’onda, ciascuna specifica per la rimozione di un colore diverso:

  • 1064 nm (nanometri) è specifico per i colori nero, marrone e blu scuro
  • 532 nm per i colori rosso, arancione e viola
  • 585 per l’azzurro
  • 650 per il verde e il giallo

Come si procede

  • Anestesia locale con crema anestetica in occluso per 1 ora, prima della seduta, sulla parte da trattare.
  • Durata: in funzione della superficie del tatuaggio da rimuovere: una superficie quadrata di 4 cm di lato richiede una decina di minuti
  • sono necessarie varie sedute distanziate di circa un mese. Il numero delle sedute dipende da diversi fattori:
    • tipo di tatuaggio: i tatuaggi professionali sono normalmente più difficili da rimuovere per la maggior profondità del pigmento e per la sua elevata densità.
    • colore del tatuaggio: il verde e soprattutto il giallo, talora presenti nei tatuaggi multicolore, sono colori difficili da rimuovere.
    • età del tatuaggio: i tatuaggi più vecchi sono più facili da eliminare rispetto a quelli più recenti, perché il corpo ha già eliminato una parte del pigmento.
    • non è prevedibile il numero di sedute necessarie e sufficienti a rimuovere un tatuaggio. Nei casi più facili esse variano da 2 a 4. In quelli più difficili fino ad 8 o 12 sedute.

Controindicazioni

  • Pazienti con cute olivastra, mulatti o neri per l’ alto rischio di alterazioni della pigmentazione
  • Pazienti con tendenza a fare cicatrici ipertrofiche o cheloidee
  • infezioni cutanee in atto
  • estate
  • tatuaggi cosmetici (sopracciglia, labbra, areole, camouflage di cicatrici, ecc) di colore rosa-marron-arancio. Questi tatuaggi spesso contengono zinco ed ossido di titanio e se trattati con il laser Q-S anneriscono.

Dopo il trattamento

  • fastidio o bruciori nelle prime 24 ore, nella sede trattata
  • croste e vescicole nei primi 3-10 giorni
  • mattina e sera applicare, con fasciatura, unguenti antibiotici – Fucidin H crema - sulla parte trattata, fino alla guarigione in 3 - 10 giorni
  • per 15 giorni: eritema cute
  • per 1 mese non prenderci sole sopra e poi mettere sempre creme Sun block 50 +

Complicanze

Infezioni cutanee:

  • herpes simplex virus: coloro che soffrono di herpes ricorrente, devono assumere farmaci antivriali prima dell’intervento: Famvir 500 - 3 cpr insieme 1 sola volta
  • infezioni batteriche: utilizzo di unguenti antibiotici dopo l’intervento

 

Le infezioni possono capitare come dopo qualsiasi trauma cutaneo.

Eritema persistente, discromie (ipo- o iperpigmentazione delle cute trattata): possono essere provocate, nel corso delle prime settimane successive al trattamento, dalla diretta esposizione al freddo eccessivo o ad eccessive fonti di calore e al sole.

Follw Up

Nel migliore dei casi, a completamento del ciclo di trattamento, potrà residuare, in corrispondenza del tatuaggio rimosso, una sorta di ombra chiamata “fantasma del tatuaggio”. Essa potrà permanere alcuni anni o anche per sempre.

Share by: